Sulla base delle prescrizioni riportate nella Direttiva sulla Restrizione delle Sostanze Pericolose (RoHS) 2002/95/CE, il piombo, il mercurio, il cadmio, il cromo esavalente, il bifenile polibromato (PBB) e l’etere difenile polibromato non possono essere più utilizzati nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Come può il produttore o distributore, dimostrare che il prodotto è conforme alla Direttiva RoHS? E come evitare di dovere effettuare delle modifiche sostanziali e costose al prodotto successivamente alla sua immissione sul mercato?

Nei nostri laboratori possiamo eseguire prove di screening XRF fino alle prove più dettagliate relative alla caratterizzazione specifica del materiale tramite tecniche di spettroscopia.